Sono un pederasta




Relazioni personali



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie d'amore

Poesie erotiche
  

Sono un pederasta

Anni di psicoanalisi e preghiera non risolvono il suo problema. Senza demonizzare il pedofilo, è necessario però che si renda conto che la sua illusione di soddisfare i bisogni affettivi di un ragazzo è solamente un alibi.

di Vincenzo
Sette anni di psicoanalisi non mi sono serviti a niente. Anni di preghiera non mi sono serviti a niente.
Ancora oggi mi vergogno di me stesso e non ho il coraggio di chiamarmi pedofilo. Sputatemi pure addosso se volete, non vi biasimo per questo. Io non sono una persona violenta e ho sempre dato solo amore.
Vi capisco che vi ripugna pensare che un uomo possa amare e fare l'amore con un ragazzo magari di quindici o sedici anni (mai con bambini). Eppure credetemi ci sono ragazzi che vogliono essere amati da adulti e avere con loro una relazione stabile anche sessualmente. Ho avuto anch'io 15 anni e so bene cosa significa.
Tuttavia da anni ormai non pratico più il sesso con ragazzi. Mi masturbo. E probabilmente continuerò a farlo per il resto della mia vita. Ma che vita sarà mai?
Io chiedo scusa a tutti coloro che hanno dei figli. Chiedo scusa a tutti i genitori del mondo per averli offesi nel loro bene più caro. Vi prego perdonatemi!


La nostra risposta:
Caro Vincenzo,
se sette anni di preghiera e psicoanalisi non sono serviti "a niente" (ma almeno in questi anni sei riuscito a non avere rapporti sessuali con ragazzi), forse non è con la preghiera e con "questa" psicoanalisi che puoi riuscire a risolvere il tuo problema, ammesso che si possa risolvere, od almeno arrivare ad una situazione meno conflittuale con te stesso e con la società. Parlando di psicologia e psicoanalisi, vi sono tante possibilità, tante strade, diversi tipi di terapia fra psicologia e psicoanalisi. Puoi esplorare anche la bioenergia, la transazionale, la motivazionale... anche in una cittadina di provincia vi sono molte possibilità.
Devi continuare, farti forza e convincerti che in questo momento, forse per la delusione o l'esasperazione, ti stai costruendo degli alibi per giustificare agli occhi della tua coscienza un tuo ritorno all'attività sessuale con i ragazzi.

Vi sono effettivamente ragazzi che cercano amore dagli adulti, e se lo incontrano sono disposti ad accettarlo anche a costo di un rapporto sessuale. Ma se questo avviene è perché questi ragazzi hanno dei problemi, delle turbe, delle carenze, e cercano disperatamente un sollievo alle loro sofferenze.
Un uomo di 40, 45 anni che abbia un rapporto di amore con questi ragazzi non fa altro che sostituire un trauma ad un altro, un problema ad un altro. Può dare sollievo al ragazzo soddisfacendo il suo bisogno di amore, ma allo stesso tempo gli impone un trauma a causa di un rapporto sessuale, od anche semplicemente affettivo, con una persona adulta che ha, a sua volta, seri problemi.

Se hai fatto anni di analisi, se sei disperato, allora ti rendi conto di avere un grosso problema. Pensi veramente, con questo problema, di essere di sollievo e di poter sanare le ferite interiori di un ragazzo con carenze affettive e della personalità?
Oppure stai semplicemente scaricando su di lui, oltre ai problemi che già ha per conto suo, anche i tuoi? In realtà tu stai dando sollievo ai tuoi problemi, non ai suoi. Stai cercando di stare meglio tu, sotto l'alibi di cercare di far stare meglio lui, ed intanto carichi su di lui altri traumi, altre difficoltà.

Questa lettera è stata letta 5182 volte.


I vostri commenti
Ci sono 10 commenti:

Io non vedo nulla di male nell'amore ed è assurdo parlare di pedofilia visto che a partire dai 14 anni in su sia maschi che femmine possono dare il consenso legale per amare chi gli pare a patto che non ci sia violenza e offerte di soldi o regali da ambo le parti.
Poi l'amore quello vero non conosce limiti di età, o differenze tra maschio/maschio femmina/femmina maschio/femmina perché la cosa importante è il legame a livello animico.
Inoltre va condannato l'odio non l'amore.
OK?

       (Scritto da Stefano il 8/7/2015 23:38)


Tocchi un argomento che nella nostra società è considerato un vero "tabù". Tu parli di un attrazione sessuale nei confronti di "bambini" di 15-16 anni e per questo qualcuno dei commentatori non esita a definirti pedofilo. Tu stesso dici di non aver il coraggio di definirti tale. Sinceramente mi pare ci sia molta ipocrisia nei commenti che ho letto perché trovo assolutamente naturale provare attrazione fisica per un essere umano di quell'età. Sul piano fisico, in molti casi, è all'apice della sua bellezza, e la sua "presunta" ingenuità accrescono solo l'attrazione. Qualche astuto imprenditore televisivo, qualche anno fa ha realizzato una trasmissione totalmente incentrata su ragazzine di 15-16 anni "Non è la Rai" nella quale, tra tutine aderentissime, vestitini svolazzanti, balletti provocanti e smorfie ammiccanti, le "lolite" incollavano davanti al televisore migliaia di padri di famiglia di mezza età, certamente poco interessati alla danza. Tutti pedofili..?
       (Scritto da Aldo il 25/7/2011 11:10)


Io posso capire il tuo problema da un'altra perspettiva.
Nella mia adolscenza ho cercato rapporti con adulti che mi ricordassero mio padre, per sentirmi sicura e protetta ho avuto relazioni sessuali con uomini fino a 40 anni piú di me all'etá di quattordici e sedici anni. seperavo di lenire le mie ferite e magari alleviare i loro. Invece ho solo creato solchi piú profondi, nella mia anima perché mi sentivo in forte contraddizione tra il mio bisogno di amore e il dover espormi sessualmente a uomini che conoscevano la vita in modo a me tanto estraneo.
Non mi pento, perché nessuno mi ha costretto a fare nulla, non provo odio verso quegli uomini che hanno accettato il mio amore, sebbene sapessero non fosse incondizionato; ma ció che c'é stato non era sano per nessuno di noi e a volte i sogni dovrebbero rimanere tali
       (Scritto da Pan il 26/5/2010 11:47)


Forse le tue preghiere sono rivolte a chi non ti può ascoltare. (I Santi, Padre Pio, la Madonna ecc.ecc.) Voglio darti un consiglio, se vuoi accettalo, prega direttamente il Padre tuo che è nei cieli, che conosce direttamente il tuo problema, che conosce la tua afflizione, che vede le tue lacrime e la tua agonia. Sono sicuro che ti strapperà le catene che satana ha messo su di te. Sono sicuro che un miracolo scenderà dall'alto per liberarti da tutto questo.Dio ti ama, non ti abbandonerà, vede che sei sincero. Se vuoi puoi anche scrivermi il mio indirizzo e-mail è :
       (Scritto da Francesco-Brindisi il 4/9/2009 11:44)


Io ti cosiglio di iscriverti al "rinnovamento dello spirito santo"
associazone cattolica forte li troverai la guarigione nello spirito santo... controlla su internet cerca rns!
auguri e che DIO ti benedica!
       (Scritto da Aonimo il 15/8/2009 03:32)


Ho sempre odiato e condannato pedofili o pedarasta che siano... apprezzo cmq il fatto che ti rende conto che ci siano qualcosa che non va, quindi non darti per vinto non pensare cche non ci sia via d uscita esci conosci donne della tua eta vai anche con le prostitute se proprio devi... e nel momento in cui pensi o adirittura ti masturbi all idea di andare con un adolescente pensa al male che puoi fare pensa al disagio spicologico che crei perché per quanto tu possa dire che ci siano dei ragazzi che vogliono avere relazioni con persone adulte è solo per curiosità ma con il passare del tempo queste esperienze portano a un malessere mentale... non devi soffocare il tuo "orientamento sessuale"lo devi rinsanare... perchè se non lo curi prima o poi esplode e fa danni...
       (Scritto da Laura il 31/7/2009 04:13)


Domanda: e quando il ragazzo di turno da 15 anni ne compie 16 e poi 17 e poi 18? L' "amore" (sempre se di amore si possa parlare) finisce? Secondo me in questo contesto il concetto di "rapporto stabile" e stato utilizzato assolutamente a sproposito. Quando il ragazzo diventa uomo, sono pronto a scommettere che verrà presto sostitutito da un altro ragazzo più giovane e così via.
Altra cosa, dire che un ragazzo di 15 anni che prova curiosità per il sesso vissuto eventualmente anche con un adulto abbia "turbe psichiche" mi pare un'altra grossa stupidata. Un ragazzo a quell'età è come una pentola a pressione di ormoni che misti a comprensibili inesperienza e incapacità di discernere appieno ciò che è giusto da ciò che e sbagliato nonché soprattutto le conseguenze che alcune azioni comportano, lo rendono di sicuro più facilmente plagiabile. Ma da qui alle "turbe" ne passa. Pertanto si evitino facili massificazioni per cortesia.
       (Scritto da Roby il 30/7/2009 12:12)


Dici di renderti conto di essere un pedofilo, ripeto pedofilo, perché questa è una parola, una semplice parola, facile da pronunciare.
Ma non è niente in confronto al dolore alla sofferenza causata da te e da tutti quelli che come te agiscono nel tuo modo, quando avrai consapevolizzato tutto questo dolore, sofferenza, orrore che hai inflitto a quelle persone e ai loro familiari, allora si che potrai avviarti verso la strada del tuo recupero come essere umano.
       (Scritto da Vittima il 4/11/2008 12:35)


Credo che già ammettere di essere un pedofilo sia un gran passo capisci che sotto sotto hai un malessere psichico credo che dopo anni e anni di psicoanalisi ti sia stato spiegato cosa può indurre un uomo ad amare un bambino... è per il desiderio di recuperare gli anni dell'infanzia o della tua giovinezza ma non capisci che così sciupi l'innocenza di fanciulli che non potrà mai essere recuperata. però capisci che se non hai vissuto come volevi la tua giovinezza almeno prova a non sprecare il resto della tua vita... trova un'occupazione che ti dia sollievo e trovati una donna vedrai che il suo amore saprà pian piano rimarginare ferite che neanche immaginavi di avere AUGURI
       (Scritto da Missy pinky il 10/7/2008 17:48)


Io ti perdono! quando avrai un figlio!
       (Scritto da anonimo il 6/5/2008 02:07)


Vuoi inserire anche tu un commento a questa lettera? Vuoi rispondere pubblicamente?
Clicca qui: Inserisci un commento a questa lettera

Cialis originale


 << ultima lettera  |  < lettera successiva  |  lettera precedente >  |  prima lettera >>
 La confessione più recente in questo argomento è:

Solitudine
Paura di vivere
  
 La confessione più letta in questo argomento è:

 ♦ Mi sembra di avere fallito
Una donna, 40 anni, ha molti amici e una vita sociale, ma dentro di se sente l'insoddisfazione di non avere una famiglia, un uomo che la ama, un figlio: come succede a molte donne in questa società



Inserite la vostra pubblicità su questo sito