Amicizia o convenienza!




Relazioni personali



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie d'amore

Poesie erotiche
  

Amicizia o convenienza!

Esaustivi dubbi sull'amicizia, tante esperienze convissute disciolte in un bicchiere d'acqua. Lei si interroga: ho sbagliato?

di Angy
Esiste davvero l'amicizia quella vera o è solo un utopia?

Mi sono accorta che un amicizia che dura da anni alla fine era solo di convenienza! Uscire per una pizza, un cinema e niente più! Io pensavo a una complicità, a un appoggio morale al dialogo... dall'altra parte c'era solo convenienza! Non dico con cattiveria o malignità, ma alla fine mi sono accorta che non mi ha confidato quello che si dice a un amica del cuore! Forse sbaglio io? Pensavo di rappresentare qualcosa di più di una semplice accompagnatrice di eventi e invece... mi sono accorta del contrario.

Allora ho troncato, ho detto no! Mi guardo in giro e cerco da un altra parte anche se mi sono sentita accusata della stessa cosa "tu non mi stavi vicina..." e allora mi chiedo possibile che tutte e due eravamo prese dal vedere tutto dal proprio punto di vista e non abbimo visto le esigenze dell'altra.

Io, mi ero accorta di questo ho tentato di chiedere di dialogare, ma ogni volta vedevo un muro oppure mi sentivo trattata come un intrusa una curiosa e allora ho molltato! Mi dovevo accorgere subito che non era una vera amicizia? Oppure sono io fuori tempo e pretendevo troppo? Si dice che oggi si dialoga poco... ma quando si cerca il confronto si viene prese per impiccione!! Non so cosa pensare!
Ho bisogno di sapere se può esserci amicizia senza dialogo, senza complicità... senza fiducia!
Anche perché adesso ho molte altre amiche con cui mi confido e si confidano senza problemi.. con cui sto bene! E non vorrei rimanere delusa un'altra volta!


La nostra risposta:
Cara Angy,
non ci sono dubbi in proposito, l'amicizia quella vera esiste. Anche se è da dire che l'amicizia fra donne è sempre la più difficile, perché oltre all'iniziale complicità, interviene spesso la secondaria competizione che finisce col rompere anche i migliori sodalizi.

Credevo che le vere amicizie fossero quelle nate fra i banchi di scuola quell'amicizie che si portano avanti con gli anni, ma quelle che nascono successivamente magari arricchite da bagagli culturali personali ed esperienze maggiori son anch'esse importanti perché entra in gioco il fattore maturità.

C'è anche da dire che talvolta si finisce quasi col pretendere atteggiamenti e comportamenti dall'altra persona solo perché da noi pensati, dimentichi del fatto che comunque le persone non hanno il dono della chiaroveggenza. Talvolta accade quindi che per mancata comunicazione insorgono problemi che una semplice chiacchierata a cuore aperto avrebbe certamente evitato.

Le amicizie vanno coltivate non c'è regola che regge meglio di questa, è si vero che il migliore amico è quello non vedi spesso ma che nel momento del bisogno è presente , ma è necessario condividere tutto e non solo momenti di infelicità per metterlo alla prova.

Questa lettera è stata letta 1530 volte.


I vostri commenti
Non ci sono ancora commenti pubblici a questa lettera.
Vuoi essere tu il primo a inserire un commento a questa lettera? Clicca qui: Inserisci un commento a questa lettera

Cialis originale


 << ultima lettera  |  < lettera successiva  |  lettera precedente >  |  prima lettera >>
 La confessione più recente in questo argomento è:

Forse sono pesante o articolata.
Mi manca tanto tanto una amica da voler bene
  
 La confessione più letta in questo argomento è:

 ♦ Innamorato di una lesbica
Un amore impossibile? Eh si, ma forse una fantastica amicizia possibile. Tra uomo e donna? Amicizia quasi impossibile, se non dopo che le implicazioni sessuali si sono infrante.



Inserite la vostra pubblicità su questo sito