Cervello in pappa




Relazioni personali



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie d'amore

Poesie erotiche
  

Cervello in pappa

A proposito, o a sproposito, di un amico morto "dopo la discoteca"

di LSD, Savona
Cari Monica e Luigi,
come va? Bene, spero. Vi scrivo per sfogarmi con voi. La causa? La morte di un caro amico.
Quella sera eravamo in discoteca tutti insieme e ci divertivamo come pazzi con il nostro "trip" in corpo, ballavamo, ridevamo, scherzavamo. Dopo, verso la fine della nottata, decidiamo di uscire e andare a casa. Forse per un malinteso o per sua volontà L., che aveva 25 anni ed era un tipo fuori di testa, va in macchina con altri ragazzi. Di lì a poco la tragedia.
Il tipo che guidava, forse per il cocktail di acido e di alcool, in autostrada perde il controllo della vettura che si schianta nel guard-rail e comincia a capotarsi. Il risultato? L. è morto dopo il ricovero in ospedale, il ragazzo che guidava è ferito gravemente, ha perso il braccio sinistro ed è rimasto rintronato a causa di piccole ma tante lesioni al cervello, gli altri tre sono rimasti feriti ma senza gravi conseguenze.
Quello che volevo dirvi è anche questo, che per avere scherzato sul fatto che L. fosse rimasto a piedi a 60 Km di distanza da casa (perché uno di noi era stanco e voleva andare a casa e siccome era il padrone dell’auto ha deciso di andare). L. voleva fermarsi ancora, però non poteva dirlo a noi? Eravamo in sette con due macchine.
Il giorno dopo le disgrazia ci siamo trovati sotto gli occhi della gente marchiati come assassini. Tutto per colpa di una ragazza che è andata in giro a dire che noi lo avevamo abbandonato fuori dalla discoteca e che eravamo noi la causa della sua morte, io mi chiedo, non poteva venire da noi e chiedere una spiegazione di come è andata la storia?
Quello che mi amareggia di più è che la gente non pensava alla morte di L. ma bensì a darci titoli come infami, bastardi e figli di puttana.
I miei "amici" (fra virgolette perché sono quelli veri e non quelli che si considerano tali quando hai la coca, LSD, fumo, e quando sei nella merda ti girano le spalle!) ed io siamo sconvolti perché L. ci manca con le sue battute e tutte quelle cose che rendono unica una persona. Però che ci vuoi fare, è il destino. L. mi aveva confidato che aveva il terrore di morire in un incidente stradale, invece l’auto è stata la sua bara.
Ma lo voglio ricordare con quel viso da bambino e con quell’energia che sprizzava da tutti i pori della pelle ogni sabato al ritmo della "progressive".
Vorrei ringraziarvi dello sfogo, e se c’è qualche ragazzo/a che vuole corrispondere con me da tutta Italia, che come me ama la discoteca e LSD può farlo tranquillamente. Grazie di cuore.


La nostra risposta:
Caro LSD,
a parte il fatto che hai lasciato a metà una frase ("per aver scherzato sul fatto....") cosa che dimostra una qual certa confusione mentale, oltre tutto non hai spiegato le conseguenze di questo "scherzare". Ma mi viene il dubbio che sia stato proprio questo scherzo a far reagire la gente dandovi degli stronzi ecc... sbaglio?
Comunque, dopo aver letto centinaia di lettere, di cui una parte abbastanza consistente raccontava storie di droga, devo dire che per la prima volta mi trovo a rispondere a qualcuno cui la droga ha causato una perdita, cosa che dovrebbe essere sinonimo di dolore e che forse lo è pure (perché credo che ti sia dispiaciuto veder morire un amico), ma che aggiunge con la massima naturalezza che vuole corrispondere con persone "che come me amano la discoteca e LSD". E’ agghiacciante, peggio: atroce sentire una persona che ha perso un caro amico non dico per colpa, ma a causa di una sostanza stupefacente, che ha ancora il coraggio, o la follia, di continuare non solo ad assumere ma addirittura dichiarare il suo amore verso lo stesso stupefacente!
Come fai ad amare l’LSD, specialmente dopo aver causato questa tragedia? E, ammesso che tu continui ad amarlo, come fai ad ammetterlo con tanta naturalezza? Abbiamo ricevuto lettere di ragazzi che hanno perso amici, lavoro ed anche amori, per l’eroina o per la cocaina ed ognuno di loro malediceva il giorno in cui l’aveva presa la prima volta: possibile che per l’acido le cose vadano diversamente? Certo, che l’LSD provoca la morte di un migliaio di cellule cerebrali ogni volta che viene preso è stato ampiamente dimostrato, ma quanti milioni di acidi bisogna calarsi per diventare completamente cretini, o quanto meno superficiali (ma anche un po’ stronzi) come te?
Non posso credere che sia solo colpa degli acidi se sei così, anche perché dovresti averne presi tanti ma proprio tanti; no, io credo che ci siano state già alla base poche cellule funzionanti nel tuo cervello e che l’LSD abbia finito l’opera distruttrice. Certo, anche l’LSD, come altre sostanza psicotrope, se viene preso sporadicamente e da persone con un potenziale intellettivo certamente superiore al tuo, può aprire la mente ad una realtà che normalmente non percepiamo ed è in questo senso che Huxley e tanti altri come lui l’hanno fatto: per aprire le porte della percezione, per ampliare la loro visione del mondo... non certo per sentire meglio il ritmo della "progressive" da ballare il sabato in discoteca!

Questa lettera è stata letta 1667 volte.


I vostri commenti
Non ci sono ancora commenti pubblici a questa lettera.
Vuoi essere tu il primo a inserire un commento a questa lettera? Clicca qui: Inserisci un commento a questa lettera

Cialis originale


 << ultima lettera  |  < lettera successiva  |  lettera precedente >  |  prima lettera >>
 La confessione più recente in questo argomento è:

Solitudine
Paura di vivere
  
 La confessione più letta in questo argomento è:

 ♦ Mi sembra di avere fallito
Una donna, 40 anni, ha molti amici e una vita sociale, ma dentro di se sente l'insoddisfazione di non avere una famiglia, un uomo che la ama, un figlio: come succede a molte donne in questa società



Inserite la vostra pubblicità su questo sito