Abbandono




Relazioni personali



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie d'amore

Poesie erotiche
  

Abbandono

Cosa faccio? Qui c'è il rischio che finisco per uccidermi

di Xe
Ci siamo incontrati in Israle, il 25 Ottobre dell'anno scorso.
Abbiamo continuato a viaggiare in giro per il mondo per tre mesi.
Decisi di iniziare l'università in Australia così che potessimo stare insieme.
Venne a trovarmi in Italia, volevo mostrargli il meglio del mio paese... ma v'erano solo ombre e demoni nascosti dietro ogni angolo, tra le altre cose una tossicodipendenza che continuava sporadicamente da quando avevo 15 anni.
Ho smesso per lui, ho smesso perfino di fumarmi le canne, lui era la mia sola droga e mi sballava assai più di qualsiasi chimico potessi iniettarmi nelle vene.
Gli dissi che lo avrei fatto un'ultima volta prima di andarmene per l'Australia, che sarebbe stato tipo un addio ai fantasmi del passato.
Overdose... Mi han salvato per un pelo, non ci fosse lui a farmi la respirazione bocca a bocca e chiamata l'ambulanza non sarei qui a scrivervi.
Fu l'ultima volta che mi feci di ero. Finchè non tornai in Italia per il funerale di un amico.
E mi feci. Pensavo di non dirgli niente... che se non sapeva non soffriva... ma non potevo mentirgli. Non potevo. Ci rimase malissimo, mi disse che si sentiva tradito come se avessi prediletto la droga al suo amore e alla sua fiducia.
Nei giorni seguenti ci sentimmo poco, gli dissi che forse non avrei potuto continuare gli studi a causa dei costi della tuizione e l'unica alternativa al tornare in Europa sarebbe stato farmi la borsa di studio e che avrei avuto bisogno del suo aiuto.
Lui mi disse che non sapeva cosa dire... me la presi, pensavo che non gliene importasse abbastanza, che non gli faceva troppa differenza se stavo o me ne andavo.
Glielo dissi e lui mi rispose che non ce la faceva più.
Mi disse che non poteva più andare avanti così, che lo stavo distruggendo e che non potevamo continuare una relazione finchè non avrei cambiato il mio atteggiamento nei suoi confronti.

La mia prima reazione fu ira, rabbia... mi sentivo come se mi avesse mancato di rispetto, lasciarmi così con un messaggio su internet una settimana prima del mio ritorno.
Poi disperazione. Non ho nessuno che lui in Australia. Per il tempo che ho vissuto lì è stato la mia spina dorsale. Soffro di grave sociofobia e senza di lui non so come fare ad andare avanti. Perdo il respiro solo a stare in posti affollati. Non conosco nessuno a parte lui nell'emisfero meridionale.
Più che tutto lo amo... ma non so come continuare, dopo che lui mi ha buttato via così, a dirmi che ne vale la pena, che devo lottare per riconquistare la sua fiducia, mentre lui mi dice che mi ama ancora ma che non possiamo stare insieme a meno che le cose non cambino.
E mi lascia senza tetto, sapendo che non ho amici.. che non conosco nessuno, che ho problemi economici e che se mi lascia così semplicemente non posso che tornarmene in Europa.
Non capisco cosa cerca di dirmi nei suoi messaggi, mi dice che mi ama... che vuol provare a stare insieme, ma che dobbiamo starcene per le nostre... non capisco se per davvero si renda conto di quanto sia grave la mia situazione, dovrei dargli retta? Dovrei convincermi che ne valga la pena nonostante sembri che per lui io non valga abbastanza da cercare di salvare la nostra relazione?
Mi ha sempre detto di non stare sempre sulle difensive, che lui non mi avrebbe abbandonato, che dovevo fidarmi... e poi mi lascia così sapendo che ho dei gravi complessi di abbandono a causa della mia storia famigliare.

Cosa faccio? Qui c'è il rischio che finisco per uccidermi... non riesco più a mangiare, per una settimana ogni cosa che infilo in bocca la rivomito.
Volevo restare a farmi le pere ma ho tenuto duro, ripetendomi che tutto andrà bene.
Ma non ne ho certezze. Non ne ho idea.
Non so cosa fare... o cosa pensare.
Vi prego datemi un aiuto... sono a pezzi.


La nostra risposta:
Ciao,
l'unica cosa che voglio dirti è che devi imparare ad amare te stessa prima di tutto, prova a reagire dandoti una spinta e non demordere, se tu lo ami tanto dimostragli con tutta te stessa che ce la puoi fare anche senza il suo aiuto e dopo che ti sarai rialzata sulle tue gambe riproverete a stare insieme e se tutto andrà bene, sarai più forte e fiera di te stessa che sei riuscita ad uscire dai tuoi problemi e complessi. Se la cosa con il tuo lui non dovrebbe funzionare allora te ne farai una ragione, e sarai orgogliosa e fiera di andare avanti senza rimpiangere il tuo passato e pronta per affrontare un futuro nuovo, con la certezza di sapere andare avanti.

Questa lettera è stata letta 1060 volte.

Vuoi rispondere tu, in privato, all'autrice/autore di questa lettera? Clicca qui: Rispondi a questa lettera in privato


I vostri commenti
Non ci sono ancora commenti pubblici a questa lettera.
Vuoi essere tu il primo a inserire un commento a questa lettera? Clicca qui: Inserisci un commento a questa lettera

Cialis originale


 << ultima lettera  |  < lettera successiva  |  lettera precedente >  |  prima lettera >>
 La confessione più recente in questo argomento è:

Solitudine
Paura di vivere
  
 La confessione più letta in questo argomento è:

 ♦ Mi sembra di avere fallito
Una donna, 40 anni, ha molti amici e una vita sociale, ma dentro di se sente l'insoddisfazione di non avere una famiglia, un uomo che la ama, un figlio: come succede a molte donne in questa società



Inserite la vostra pubblicità su questo sito