Pasticche




Relazioni personali



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie d'amore

Poesie erotiche
  

Pasticche

In difesa delle discoteche, ma con troppo entusiasmo per le pasticche!

di Onda
Carissimi Monica e Luigi,
ultimamente ho letto molte lettere che disprezzavano le discoteche, onestamente ci sono rimasto male, perché è vero che ci sono delle persone che vanno a ballare solo per fare a botte, calarsi più viaggi e correre più veloci con le auto, ma è anche vero che ci sono molti ragazzi che vanno in disco solo per ballare e passare una serata in armonia con gli altri.
In Africa, cari amici, il ballo viene usato per la caccia, per propiziare la pioggia, per allontanare gli spiriti maligni, qui da noi in questa società piena di stress, di code infinite, di noia, di pettegolezzi, il ballo viene usato per cacciare fuori tutto quello che si accumula durante la settimana.
Volevo anche aggiungere che se la pastiglia viene usata con la testa dà veramente delle sensazioni di armonia con tutti quelli che ci circondano, con questo non voglio incitare l’assunzione delle pastiglie, ma voglio solo dire che non bisogna smerdare tutti quelli che lo fanno.
Non so che effetto potrà farvi questa lettera, ma sono sicuro che capirete che questo è solo il mio modesto parere.
PS: ma davvero sono l’unico militare di carriera che vi scrive?


La nostra risposta:
Caro Onda,
sei l’unico militare di carriera che ci scrive regolarmente. Lettere in grigioverde ne abbiamo ricevute più volte, perfino da Carabinieri di carriera, ma tu sei veramente il più assiduo (ma la tua divisa è blu, vero?).
Bhè, torniamo a bomba (metaforicamente). Le discoteche le abbiamo più volte difese (anche su uno degli ultimi Totem), noi critichiamo una piccola percentuale dei loro frequentatori i quali, grazie alle loro imprese, danno l’impressione che l’ambiente discoteca sia tutt’uno con l’uso di extasy ed acidi. Impressione, immedesimazione, che porta ad un uso per niente "con la testa" di queste pasticchette. Tanto più che, forse, puoi usare la testa quando prendi la prima pasticca, dopo di che il tuo cervello non è più assolutamente in grado di "usare" un bel niente. E tanto più che, in realtà, non puoi mai sapere in anticipo quale sarà l’effetto di una pasticchetta, nemmeno della prima. E, tu sai benissimo che poi si mischia (pasticche diverse, alcool, bombe energetiche, eccitazione musical-psicomotoria e sessuale) e che, spesso, chi più mischia più si sente un fico.
Se c’è una cosa che contraddistingue Confessioni, è che noi non "scomunichiamo" nessuno e che, anche se non siamo d’accordo su come agisce, non etichettiamo mai qualcuno come idiota per partito preso. Così come non "scomunichiamo" mai nessuna "sostanza" per partito preso, e se qualcuno ne abusa sappiamo che non è da condannare e mandare al rogo, ma che è necessario capire il perché. Però quando arrestano un pusher con 5mila pasticche in una discoteca, non possiamo fare a meno di pensare che se ha rischiato a portarsi così tante pasticche vuol dire che era sicuro di venderle tutte o quasi. E di pusher non ce n’è mai uno solo. Così, proprio sapendo che il ballo è e deve essere uno sfogo, una valvola di scarico, ci domandiamo se l’uso di così tante pastiglie sia davvero uno scarico oppure un caricarsi ancora di più.
La vita di molti ragazzi, più che di stress è colma di vuoto e di noia. Ed in discoteca ci vanno non per scaricarsi, ma per caricarsi. Di energia, di socialità, di compagnia, di allegria, di rumore, di musica... insomma per sentire che la vita ha un qualche gusto oltre a quello polveroso e stantio di scuola e/o lavoro e/o famiglia, e che le pasticchette servano per caricarsi di più e meglio.

Questa lettera è stata letta 1531 volte.


I vostri commenti
Non ci sono ancora commenti pubblici a questa lettera.
Vuoi essere tu il primo a inserire un commento a questa lettera? Clicca qui: Inserisci un commento a questa lettera

Cialis originale


 << ultima lettera  |  < lettera successiva  |  lettera precedente >  |  prima lettera >>
 La confessione più recente in questo argomento è:

Solitudine
Paura di vivere
  
 La confessione più letta in questo argomento è:

 ♦ Mi sembra di avere fallito
Una donna, 40 anni, ha molti amici e una vita sociale, ma dentro di se sente l'insoddisfazione di non avere una famiglia, un uomo che la ama, un figlio: come succede a molte donne in questa società



Inserite la vostra pubblicità su questo sito