Ma secondo voi è giusto perdonare?




Relazioni personali



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie d'amore

Poesie erotiche
  

Ma secondo voi è giusto perdonare?

Perde l'amicizia dell'infanzia maturata col tempo, distrutta dall'accaduto non riesce a vedere il sorgere di quello poteva essere un nuovo inizio... ma ora loro non accettano le sue scuse.

di Chicca8
Sono una ragazza di 17 anni e da 2 anni a questa parte vivo con un continuo rimorso di coscienza... Appunto 2 anni fa conobbi 2 ragazze, con loro mi trovavo davvero bene, avevo trovato il giusto incastro, quello che tutti cercano in un amicizia; ma uscivo da un brutto periodo, avevo allora perso un'amicizia di 8 anni.

Purtroppo conobbi loro proprio in quel periodo, e avevo dentro di me grandi difficoltà a vivere quell'amicizia. Avevo paura di perdere di nuovo, di essere nuovamente ferita, e così ogni minima cosa diventava un problema perché io tendevo sempre ad ingigantirla, mi ponevo 1000 problemi che facevo pesare su di loro, e la cosa bella era che loro riuscivano lo stesso a starmi vicine, fin quando non hanno resistito e ci siamo allontanate.

Io sono piombata in una crisi indescrivibile e così, notando che loro non volevano saperne più di me, raccontai una bugia per farle interessare nuovamente all'amicizia e peggiorando così le cose ancora di più (ma era una cosa fatta in buona fede). Da qui un muro totale, mi hanno chiamata in tutti i modi possibili, ridicola, scema, bambina, falsa... Ho cercato in tantissimi modi di riparare ma non c'è stato nulla da fare purtroppo.

Ho tentato di tutto, lettere, sms, chiacchiere, telefonate, ma nulla. Fatto sta , che io voglio tuttora un gran bene a queste due persone e le vedo anche spesso perché giocano a pallavolo come me... Tutti possono avere delle possibilità, io ci tengo davvero tantissimo tuttora, invece sembra che loro abbiano fatto presto a dimenticarsi di me, allora mi chiedo che posso fare, come posso riparare.

Mi sono affidata alla preghiera ma non è riuscito e io non riesco ad accettare tuttora questa situazione perché ritengo che quando una persona vuole bene a qualcuno è per sempre , non svanisce, quando nasce il bene, è per la vita, è qualcosa di eterno....
Molti mi hanno detto di lasciar perdere, ma non posso perché io non riesco a nascondere un sentimento, un affetto che ho... allora vi chiedo: come mi devo comportare se nemmeno ci salutiamo?

Perché non riesco ad ottenere il perdono? E' proprio vero che loro la vivono bene la situazione o anche loro ne portano il rimorso?Datemi un consiglio, perché oltretutto non so come comportarmi, vorrei fare un passo ma ho paura della loro reazione, anche se in fondo peggio di così non potrebbe andare.
Fatemi sapere che ne pensate: secondo voi è sempre giusto perdonare? Perché? Quando è giusto?


La nostra risposta:
Cara C,
Aristotele si chiedeva cosa fosse un amico e nel suo essere luminare si diede tale risposta: una singola anima che vive in due corpi, spettacolare direi ed effettivamente cosi.

L'amicizia è condivisione, partecipazione è scambiarsi reciprocamente qualcosa, il donarsi l'uno all'altro, l'illecito diventa lecito. Il passo che esiste fra la vera amicizia e la fratellanza risiede solo nel legame di sangue.

Tutti noi, abbiamo vissuto esperienze che hanno indebolito e talvolta ci hanno fatto ricredere sull'amicizia eppure siamo ancora dei grandi adulatori di questo forte sentimento. Perdere un'amicizia è un dolore immenso, indescrivibile perché il più delle volte è uno specchio del tuo esserci, è un testimone dei tuoi momenti belli o brutti che siano.

Capisco, cara ragazza, quanto puoi aver sofferto.
Stavi attraversando un periodo difficile e probabile non avevi la maturità di oggi nell'affrontare una perdita che per te era sicuramente la prima veramente difficile e i ricordi dei pomeriggi insieme, delle chiacchierate insieme erano ancora troppo vividi per poterli sostituire o compensare con altre ragazze. Eri provata e intimorita da una situazione che poteva ripetersi ed hai scelto la strada della barriera.

Adesso, con occhi un po' più ponderati, hai capito i tuoi errori e hai cercato di recuperare in tutti i modi possibili ed immaginabili, hai chiesto scusa ! Credo che ciò era umanamente possibile l'hai fatto. Hai capito che dovevi permettere ad altre persone di entrare nella tua vita hai umilmente e svariatamente ammesso di aver sbagliato.

Sei sicuramente molto sensibile e ti spiace di esserti comportata cosi, del resto non puoi mutare gli eventi passati. Hai cercato di cambiare quelli presenti senza ottenere nulla, sinceramente non condivido il tuo ridurti a zerbino, l'incaponirti con quelle ragazze. La pazienza ha un limite è vero, e probabile con te avevano raggiunto il capolinea , ma l'amicizia ha la virtù del perdono, negarlo non ha valenza per un sincero e vero rapporto d'amicizia.
Non credere di aver perso delle amiche, le vere amiche accettano le scuse.

Questa lettera è stata letta 1080 volte.


I vostri commenti
Non ci sono ancora commenti pubblici a questa lettera.
Vuoi essere tu il primo a inserire un commento a questa lettera? Clicca qui: Inserisci un commento a questa lettera

Cialis originale


 << ultima lettera  |  < lettera successiva  |  lettera precedente >  |  prima lettera >>
 La confessione più recente in questo argomento è:

Forse sono pesante o articolata.
Mi manca tanto tanto una amica da voler bene
  
 La confessione più letta in questo argomento è:

 ♦ Innamorato di una lesbica
Un amore impossibile? Eh si, ma forse una fantastica amicizia possibile. Tra uomo e donna? Amicizia quasi impossibile, se non dopo che le implicazioni sessuali si sono infrante.



Inserite la vostra pubblicità su questo sito